23 Gennaio 2021
Avvio dei lavori in Malawi

Sono appena iniziati i lavori in Malawi per la costruzione dell’Aula di Informatica e della Biblioteca per la Scuola-Convitto St. John Girls’ in Mangochi. Padre Joseph Kimu appena ricevuto il finanziamento non ha voluto perdere tempo ed ha dato subito l’avvio ai lavori che si prevede possano giungere al termine a fine Marzo. Alleghiamo alcune immagini dei lavori in corso…

9 Gennaio 2021
Aula di Informatica e Biblioteca per la Scuola-Convitto St. John Girls’ in Mangochi, Malawi

Ampelos ha deciso di finanziare, grazie al finanziamento della , questo progetto che ci ha proposto Padre Joseph Kimu direttore del St. John Early Childhood Development Centre con cui abbiamo già collaborato recentemente per la costruzione di un pozzo. Responsabile Locale Il St. John Early Childhood Development Centre è attivo da 22 anni in progetti in ambito sanitario, dell’istruzione e dell’agricoltura. Il responsabile locale del progetto è Padre Joseph Kimu che ha dedicato tantissimi anni della sua

8 Gennaio 2021
Ringraziamenti

Come sempre alla fine di ogni anno si tirano le fila di ciò che è stato.   Non perderemo tempo a raccontarci di quanto il 2020 sia stato un anno difficile e indimenticabile. Invece vogliamo urlare a gran voce un GRAZIE enorme a tutti coloro che ci hanno sostenuto negli anni passati e soprattutto nel 2020 in cui nel silenzio abbiamo fatto una delle cose che, dopo il formaggio, la marmellata e il vino, ci

10 Gennaio 2020
Progetto Polli – Burundi

Il Burundi dal 2016, è il Paese classificato essere il più povero e più triste del Mondo. Ampelos Onlus sostiene un progetto agroalimentare di sviluppo comunitario in Burundi dal 2013. A dicembre 2019, i soci Ampelos hanno deciso di continuare a sostenere il suddetto progetto finanziando attività di produzione avicola di Buslin nella provincia di Kirundo Con riferimento alla fame e alla malnutrizione, il 70% della popolazione è soggetta a sottoalimentazione, di cui l’85% presenta deficit di proteine facilmente assimilabili: quelle

26 Luglio 2018
Un’ambulanza per Tanguiéta

C’è un italiano di cui il nostro Paese dovrebbe essere orgoglioso e che invece non conosce. Si chiama Fiorenzo, Fratel Fiorenzo, e vive a Tanguièta, nel nord del Benin, a 650 chilometri dalla costa. Africa profonda, Africa poverissima: un posto dove un occidentale mai si sognerebbe di andare vivere. Le costruzioni in cemento sono pochissime e i 70 mila abitanti di questa regione vivono in capanne o in casette costruite con mattoni di fango indurito.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Dimmi di più

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi